Egea

NEWS VEDI TUTTI

Senza banca non si fa l’impresa

03/05/2021

Chi s’illude di poter fare a meno degli istituti di credito è fuori strada: lo Stato non provvederà alle imprese in eterno, occorre guardare ai mercati. Parola di Stefano Caselli, pro-rettore dell’Università Bocconi

 

Economy Magazine riflette con Stefano Caselli sul perché l’Italia non debba cedere a “La grande tentazione” del ritorno allo Statalismo. Di seguito l’introduzione dell’intervista firmata da Marco Scotti

 

(Economy Magazine) - Dobbiamo smetterla con quella logica colpevolista nei confronti di banche e mercati: perché in un momento storico come quello che stiamo vivendo possono essere entrambi degli attori fondamentali per ripartire». Stefano Caselli, pro-rettore dell’Università Bocconi di Milano, su questi temi ha appena scritto un libro, edito da Bocconi Editore - Egea, intitolato “La grande tentazione – Perché non possiamo fare a meno delle banche”. Nel volume si prova a fare ordine nel complesso scenario economico che si sta profilando, partendo da alcune considerazioni: che lo Stato non potrà continuare in eterno a provvedere alle esigenze di privati e imprese, o tra pochi anni l’Europa ci verrà a chiedere un conto molto salato; che le banche hanno grandi riserve per far fronte alla prevedibile ondata di Npe, ma che dovranno per forza di cose aggregarsi, magari anche a livello europeo; che le aziende devono a tutti i costi guardare ai mercati (e alla quotazione in Borsa) come alla naturale possibilità per reperire capitali. Solo la realizzazione di queste precise condizioni può permettere di ripartire. 

 

Leggi l’articolo completo su Economy Magazine >>